(di Uff. Stampa "CineIncontriamoci")


Cineincontriamoci, la rassegna ideata e diretta da Mattia Scaramuzzo, continua a crescere e a guadagnare palcoscenici e ribalte nazionali. Il giovane artista acrese, nei giorni scorsi, ha infatti partecipato a un evento che rientrava nel programma ufficiale delle iniziative della settantaseiesima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Scaramuzzo è stato ospite all’Hotel Excelsior, della press conference che ha preceduto il convengo su “Festival, cineturismo e Film Commission: come creare opportunità per il territorio”. L’evento è stato promosso dall’Ulysse Experience, che organizza il festival omonimo che si tiene nel basso Lazio e che è gemellato con Cineincontriamoci.

E’ stato il direttore artistico Daniele Urciuolo ad aprire due finestre rispettivamente su Cineincontriamoci e sul Catania Film Festival. Mattia Scaramuzzo ha parlato di questa esperienza finora triennale, fatta senza ottenere sovvenzioni pubbliche, ma riuscendo comunque a portare ad Acri grossi nomi del panorama cinematografico nazionale e allargando la rassegna anche a spunti sociali e culturali.

Scaramuzzo si è detto “molto emozionato per la possibilità che mi è stata data di spiegare in un simile contesto cosa sia Cineincontriamoci. E’ un’esperienza che si aggiunge a quella che, sempre qui a Venezia, ho vissuto nel 2017 e che mi rende ottimista anche per il futuro della nostra rassegna”.

Infatti, “la speranza è che il prossimo anno in laguna Cineincontrimoci possa avere uno spazio tutto suo”. Nel contempo si lavora già ad altri appuntamenti, di cui uno previsto per fine settembre.