(di Lucantonio NICOLETTI)


(foto Lucantonio Nicoletti)

Il nuovo Assessore al Personale inizia in modo maldestro il suo nuovo incarico, facendo approvare, nella seduta della Giunta Comunale, la delibera n° 87 del 20/05/19 in evidente violazione dei regolamenti comunali, poiché il nostro Comune, essendo sotto i 15.000 abitanti, non è dotato di figure dirigenziali.

Di conseguenza, anche il successivo avviso pubblico prot. 9772 del 27/05/19 risulta illegittimo, perché formulato sul regolamento anch’esso illegittimo approvato con la suddetta deliberazione. Ciò determinerà la paralisi amministrativa, in quanto tale avviso, non essendo a norma, difficilmente vedrà l’adesione dei dipendenti dell’ente con categoria D.

Questa gestione scellerata di un’Amministrazione che ne sbaglia una al giorno, avrà ripercussioni visto che, come anticipato, nessuno parteciperà al bando.

Cosa più grave è che chi ha ricoperto la carica per tre anni consecutivi, non può partecipare e quindi l’attuale capo del 3° settore, Giovanni Cesario, comandante dei VV.UU. rischia di essere escluso, così come anche negli altri settori vista l’illegittimità della delibera.

Con questi atti si rischia una seria paralisi amministrativa, ai danni dell’intera cittadinanza, sottolineando il fatto che amministrare non è un gioco.

Per concludere, l’ex vice sindaco con delega alle Attività Produttive e Agricoltura, non si è occupato per due anni dei settori di sua competenza, anzi bloccandoli del tutto,  ed ora si è preso la delega al Personale, per non avere niente di impegnativo, così da poter restare al Comune a fare il regista, ma stia attento a non sbagliare…