(di Rosario PERRI)


(foto Rosario Perri)

Ho lavorato per più di 7 anni ad un nuovo progetto politico per la città di Bisignano che portasse ad una nuova classe dirigente. Non è stato facile, anzi, è stato complicatissimo. Siamo arrivati alla composizione della lista Energia per il Cambiamento con la speranza di vedere fiorire la nostra città. Dopo la vittoria l’entusiasmo era al massimo, c’erano davvero i presupposti per far bene e c’era un sindaco stimato da tutti per la sua educazione e la sua compostezza.

Ma la squadra ha iniziato a sfaldarsi mentre io avevo rinunciato al mio ruolo di segretario di partito per incomprensioni tanto con la maggioranza tanto con il mio partito nella sua declinazione. Meglio un mio passo indietro che quello dell’amministrazione. Sono iniziate una serie di crisi della maggioranza. Ho cercato più volte di farle ricucire perché pensavo sempre al lavoro che con il partito avevamo fatto per arrivare al risultato sperato.

Mi rammarica il fatto che nonostante le cose che non ho voluto vedere e sulle quali molto spesso sono passato sopra nessuno ha sentito mai il bisogno di consultarsi con il sottoscritto che questa esperienza aveva contribuito (forse più di tutti) a far sì che si realizzasse. Oggi sono venuto a conoscenza per mezzo stampa  che  dopo molte peripezie e rumors, la vicesindaca (Pd) ha lasciato tutti i suoi incarichi compreso quello di consigliere.

E anche in questo caso nessuno ha sentito il bisogno e la necessità di sentire il parere dell’ultimo segretario del Pd della sezione di Bisignano. Nell’ultimo comunicato  fatto a nome dell’associazione Nuove Narrazioni che ho l’onore di presiedere abbiamo chiesto all’amministrazione di chiarire quelli che sono i problemi politici all’interno della maggioranza.

Due assessori  sono stati defenestrati, un’altra consigliera ha rassegnato le deleghe e ora la vicesindaco rassegna le dimissioni da tutto. Noi dell’associazione Nuove Narrazioni siamo e resteremo un’associazione che si colloca nell’area del centrosinistra, ma non possiamo che prendere atto che questo non interessa all’amministrazione che preferisce percorrere altre strade (e il risultato è sotto gli occhi di tutti) e che  partito democratico ad ogni livello non si è accorto minimamente di ciò che sta accadendo a Bisignano.