(di Redazione)


Con una missiva inviata al Prefetto di Cosenza, i consiglieri comunali, Gina Amodio e Lucantonio Nicoletti, spiegano alla Pubblica Autorità che, dopo il lockdown causa Covid 19, nonostante tutti i Comuni limitrofi (Torano Castello, Acri, Santa Sofia d’Epiro, Rose) siano ritornati a svolgere il consiglio comunale presso le sale adibite, a Bisignano si persevera a disputare le sedute online.

Per i consiglieri un confronto “vis a vis” è sicuramente un metodo più sicuro, specie quando si discute di atti da deliberare dell’Ente, come il Bilancio di Previsione.

Tra le altre cose presenti nella lettera, scrivono Amodio e Nicoletti: "viene disatteso, in più occasioni, il diritto di accesso agli atti amministrativi, così come prevede l’art. 43 del tuel n° 267/2000, che prevede in capo ai consiglieri il diritto di ottenere dagli uffici tutte le notizie e le informazioni in loro possesso utili all’espletamento del mandato."

I consiglieri chiudono la missiva ringraziando il Prefetto, la dott.ssa Cinzia Guercio, con la convinzione che presto prenderà provvedimenti sulla questione. Comunque i consiglieri Amodio e Nicoletti fanno sapere che non parteciperanno al prossimo consiglio comunale.